Segnami una storia

E’ il titolo di un progetto di letture molto speciali, un viaggio da fare tutti insieme.

Le letture sono realizzate in Lingua dei Segni Italiana, rivolte a bimbi sordi e udenti con l’intento di diffondere la lettura condivisa ad alta voce e in Lis di albi illustrati e Silent Book per i più piccoli e di racconti e fumetti per i più grandi.

L’obiettivo è duplice: avvicinare alla lettura i bimbi sordi fin dai primi mesi di vita e diffondere, tra gli udenti, un’attività bilingue che contribuisca anche ad un loro arricchimento culturale e linguistico.

La lettura ha numerosi effetti positivi a lungo termine, a diversi livelli: non solo cognitivo e linguistico, ma anche emotivo e relazionale sociale ed economico. In sintesi, questa pratica è uno strumento valido per offrire al bambino una vita migliore.

 

2015

letture itineranti

Il nostro viaggio inizia nel 2015 con un incontro di lettura presso la Biblioteca Europea di Roma durante il Maggio dei Libri.

 

2016

Nel 2016 prosegue con Letture itineranti in Lis, finanziato dalla Regione Lazio;  leggiamo in Lis nei parchi, asili, biblioteche e librerie di Roma.

Oggi

attività ludiche bambini non udenti roma

Le storie segnate affascinano grandi e piccini, sordi e udenti, librai e bibliotecari, tanto da convincerci che è giunta l’ora di riempire la valigia di tante storie, colori, emozioni, parole e segni e di intraprendere il viaggio…

Letture di albi illustrati ad alta voce e in Lingua dei Segni italiana

Segnami una Storia arriva a Caserta!

Questa volta ci siamo diretti verso una città con molte problematiche soprattutto quando si parla di cultura e di accessibilità per persone sorde.

Caserta è una città che si apre lentamente al cambiamento e non investe nella cultura e nel sociale, nonostante vi sia un certo fermento di associazioni e di persone che, invece, le cose le stanno cambiando dal basso. Tra questi luoghi attivi e partecipati c’è la Libreria Che Storia , aperta 7 anni fa da Cinzia con la collaborazione di Rita e l’allegra compagnia di Heyab e Jima, i figli incantevoli di Cinzia.

La tappa di Caserta diventa un progetto a lungo termine grazie all’accoglienza e alla sensibilità di Cinzia, appassionata di Storie e appassionante Lettrice.

Il primo incontro di lettura ci ha catapultati in un luogo fantastico in cui i piccoli lettori entrano intimiditi per la presenza di una lettrice che silenziosamente muove le mani per raccontare, i loro papà diventano registi dell’evento e le parole d’ordine sono amicizia, cordialità e divertimento.

Sabato, 21 Settembre, si festeggiava la Giornata Mondiale della BiblioDiversità e noi abbiamo scelto per un testo sull’amicizia, l’amore e la diversità Piccolo Giallo e Piccolo Blu, tradotto in Lingua dei Segni Italiana, una Lingua ricca e preziosa sia per i bimbi sordi che per gli udenti. Tutti seduti a semicerchio hanno curiosato tra le pagine del libro, spalancato gli occhi davanti alle mani che lo traducevano e hanno voluto sapere di più con quel fare ingenuo e divertito colmo di risate e curiosità tipico dei bambini. Ad ognuno è stato assegnato un segno – nome, caratteristico della cultura sorda, e giocato con i nostri nomi tradotti con la Dattilologia , l’alfabeto manuale in Lis. Il laboratorio sui colori in Lingua dei Segni è stato realizzato con l’aiuto di una partecipante molto speciale Penso, ragazzina sorda di 13 anni la cui storia di amore e coraggio presto vi racconteremo.

volontari abile mente lingua dei segni roma incontro a caserta

Ci siamo salutati con la promessa di ritrovarci presto per diffondere questa Lingua magica che stimola l’empatia, aiutandoci a diventare persone migliori, una Lingua che è per tutti e di tutti. Conoscerla è un atto di civiltà nei confronti delle persone sorde che la usano…

volontari abile mente lingua dei segni roma incontro a caserta
volontari abile mente lingua dei segni roma incontro a caserta
volontari abile mente lingua dei segni roma incontro a caserta